robertobuoninconti.it

TEAM PENNING - Tutto in 60 secondi

Only 10.000 Km from Texas
1 / 36 prev / next pause play enlarge slideshow
Only 10.000 Km from Texas
2 / 36 prev / next pause play enlarge slideshow
3 / 36 prev / next pause play enlarge slideshow
4 / 36 prev / next pause play enlarge slideshow
5 / 36 prev / next pause play enlarge slideshow
6 / 36 prev / next pause play enlarge slideshow
7 / 36 prev / next pause play enlarge slideshow
8 / 36 prev / next pause play enlarge slideshow
9 / 36 prev / next pause play enlarge slideshow
10 / 36 prev / next pause play enlarge slideshow
11 / 36 prev / next pause play enlarge slideshow
12 / 36 prev / next pause play enlarge slideshow
13 / 36 prev / next pause play enlarge slideshow
14 / 36 prev / next pause play enlarge slideshow
15 / 36 prev / next pause play enlarge slideshow
16 / 36 prev / next pause play enlarge slideshow
17 / 36 prev / next pause play enlarge slideshow
18 / 36 prev / next pause play enlarge slideshow
19 / 36 prev / next pause play enlarge slideshow
20 / 36 prev / next pause play enlarge slideshow
21 / 36 prev / next pause play enlarge slideshow
22 / 36 prev / next pause play enlarge slideshow
23 / 36 prev / next pause play enlarge slideshow
24 / 36 prev / next pause play enlarge slideshow
25 / 36 prev / next pause play enlarge slideshow
26 / 36 prev / next pause play enlarge slideshow
27 / 36 prev / next pause play enlarge slideshow
28 / 36 prev / next pause play enlarge slideshow
29 / 36 prev / next pause play enlarge slideshow
30 / 36 prev / next pause play enlarge slideshow
31 / 36 prev / next pause play enlarge slideshow
32 / 36 prev / next pause play enlarge slideshow
33 / 36 prev / next pause play enlarge slideshow
34 / 36 prev / next pause play enlarge slideshow
35 / 36 prev / next pause play enlarge slideshow
36 / 36 prev / next pause play enlarge slideshow

Una mandria di 30 vitelli, tre cavalieri (il team), un piccolo recinto (il pen); e soltanto 60 secondi per portarne tre dentro.
Questo è, in estrema sintesi, il succo del Team Penning.
Detto in questa modo sembra semplice, ma ovviamente non lo è.
Esiste infatti un preciso regolamento che disciplina questo sport e viene applicato alla lettera dagli impassibili giudici di gara.
Quello della monta da lavoro americana è un mondo abbastanza diverso da quello un po’ algido e riservato della monta inglese, sicuramente più sanguigno e colorato, ma non per questo meno tecnico.
Piuttosto è diversa l’origine: una nasce dalla tradizione equestre militare e ne eredita parte del formalismo, l’altra nasce dal lavoro dei cowboys negli sconfinati ranch americani e ne conserva il carattere scanzonato e un po’ guascone.
Occorrono cavalli capaci di stop e ripartenze brucianti, di virate brusche e fulminei scatti al galoppo, dotati di agilità e potenza incredibili.
Sono i Quarter, gli Appaloosa, i Palomino, i discendenti dei cavalli americani; sono come quelli che abbiamo visto tante volte correre nei film western. Morfologicamente meno slanciati dei loro cugini europei ed arabi, questi generosi animali scatenano in campo tutta la loro potenza ed eleganza.
Occorrono ovviamente cavalieri capaci di gestire ed indirizzare tanta potenza ed agilità, in grado di creare col proprio cavallo - e col team - un’intesa perfetta, rapidi ed efficaci nello svolgere ognuno il proprio compito.
Non guasta infine anche un pizzico di fortuna per riuscire ad individuare, separare e rinchiudere i tre capi assegnati.
Va da se che anche le gare sono alquanto rumorose, accompagnate dai muggiti dei vitelli e dalle urla di incitamento dei cavalieri, il tutto in un turbine di cappelloni svolazzanti, chaps frangiati, speroni stellati, zoccoli scalpitanti ed ovviamente tanta polvere.
Ci si ritrova al mattino, spesso dopo lunghi viaggi notturni con i cavalli al seguito, in tempo per le ultime istruzioni della giuria e si prosegue anche per tutta la giornata, per poi concludere, talvolta a tarda sera, con un’altrettanto rumorosa premiazione, magari attorno ad un barbecue, accompagnati da fiumi di birra e dall’immancabile musica “western”.
Poi il ritorno verso casa, non prima di aver accomodato il proprio amico nel box ed averlo accudito e foraggiato.
Un’altra settimana fatta di lavoro quotidiano ed allenamenti li attende.
Fino ai prossimi frenetici sessanta secondi.



loading